IL PROCESSO DI METALLIZZAZIONE

Erogando piccole particelle di metallo fuso contro una superficie adeguatamente preparata con precedente sabbiatura, si ottiene uno strato uniforme e anticorrosivo. Tale processo prende il nome di metallizzazione.

procedura metallizzazione

La metallizzazione vera e propria, è preceduta da una fase preparatoria della superficie, già adeguatamente sabbiata a metallo bianco, che deve essere ripulita da eventuali contaminanti quali olii, sali e grassi. Questa fase, in maniera analoga a quanto descritto nella processo di pitturazione, viene eseguita in ambienti coperti, con aspiratori e aria compressa, per ottenere un risultato qualitativamente conforme allo standard di riferimento e comprende i controlli sulle mascherature operate durante il processo di sabbiatura precedente.

procedura metallizzazione

Le operazioni di metallizzazione prevedono l’applicazione di filo di zinco (più utilizzato su manufatti in acciaio al carbonio) o alluminio (utilizzato sull’acciaio inossidabile o leghe speciali), a seconda delle specifiche di lavorazione. Queste vengono sempre svolte in ambienti chiusi, senza alcuna eccezione, vista la sensibilità alle condizioni ambientali.
Qualora richiesto, è possibile certificare le operazioni eseguite secondo gli standard di riferimento.

La metallizzazione è eseguita in un capannone appositamente attrezzato, e predisposto all’aspirazione e abbattimento dei fumi.
Il nostro impianto ECO ARC 350 è costituito da:

  • dispositivo di spruzzatura a pistola con motore pneumatico
  • impianto aria-compressa
  • carroponte

L’applicazione dello strato di rivestimento metallico avviene in più passate, verificate tramite spessimetri a fine lavorazione, una volta che il manufatto si è raffreddato.
Ulteriori verifiche sono identiche a quelle descritte per la pitturazione, mentre il grado di aderenza viene misurato con opportuni test su pannelli forniti dal cliente, secondo gli standard di riferimento ISO 4624, ISO 16276-I & ASTM D4451.